1/4

TORBOLE (TN)

PIAZZA Hans Lietzmann

RIQUALIFICAZIONE URBANA

La riqualificazione di un “vuoto urbano”a ridosso del lungolago, a pochi passi dal centro storico di Torbole, ha permesso di dare nuova vita a un punto strategico della cittadina che sorge sulle rive del Lago di Garda, un luogo rimasto in ombra per troppi anni, ma ricco di elementi unici, oggi valorizzati e riconsegnati a residenti e turisti, attraverso la realizzazione di uno spazio articolato che si apre come un abbraccio verso il lago e l’orizzonte.

Se per anni la parola che meglio poteva sintetizzare l’essenza di quest’area è stata “chiusura”, ciò che ha guidato il progetto fin dall’inizio è stato il concetto opposto, quindi,“apertura”: apertura degli elementi che circondavano l’area e che non permettevano l’accesso, della chiesa e del sagrato e, soprattutto, del nuovo spazio verso il lago, l’orizzonte, il sole. L’obiettivo di risolvere i numerosi problemi dell’area e la precisa volontà di realizzare uno spazio che sapesse valorizzarne a pieno tutte le peculiarità, ha portato allo studio di una piazza articolata, composta da più elementi, ognuno dotato della propria valenza, ma connesso agli altri da un progetto unitario. Se, da una parte, quindi, si era a conoscenza delle problematiche da risolvere, dall’altra sono stati analizzati nel dettaglio i singoli punti da sviluppare:

  • sottolineare la forte vocazione turistica della zona, molto frequentata soprattutto nei mesi più caldi, ma non sottovalutando nemmeno il fascino del lago nel periodo autunnale e invernale, con i suoi scorci, con i suoi colori; 

  • valorizzare la chiesa di Santa Maria al Lago, affinché sia ristabilito il forte legame dell’edifi-cio con il Garda, favorendo una diretta comunicazione tra chiesa, sagrato, piazza e lago a cui deve il nome;

  • ritagliare alcuni angoli nei quali possano trovare spazio le manifestazioni e i concerti che hanno dimostrato, la loro profonda capacità di aggregazione e il gradimento collettivo;

  • valorizzare il locale pubblico sulla spiaggia, grande risorsa economica del Comune, rendendolo non più un elemento isolato e una barriera, ma legandolo finalmente, non solo alla spiaggia, ma al lago e ai nuovi spazi;

  • ritagliare un settore più intimo, ombreggiato,protetto dalla grande folla e un po’ defilato rispetto alla spiaggia, nel quale portare un pezzo di lago, per goderne a pieno i riflessi, i suoni, le luci;

  • aprire l’orizzonte, eliminando ogni barriera e, finalmente, consentire di vedere senza impedimenti il lago e le sue più lontane sponde, sia dalla piazza sia dal sagrato.

  • Il sagrato Una linea direttrice parte dall’ingresso della chiesa, disegna la scalinata, percorre la piazza e continua fino al pontile sulle acque del lago: chiesa e sagrato, finalmente, possono ora colloquiare con l’ambiente circo-stante ed essere visibili e riconoscibili.

GET IN TOUCH:

CONTACT US:

Tel:  +39 0464 550099

Fax: +39 0464 557620

Email: info@emmetiemme.net

Viale Alberti Lutti, 18

Riva del Garda, TN 38066

Italy

© 2020 Studio tecnico Emmetiemme P.IVA e C.F.  IT01816940223